CHIESA

Teologia: fondamentale, ascetica...

"Cardinale Pietro Parente; Mons. Antonio Piolanti; Mons. Salvatore Garofalo: Voci selezionate dal Dizionario di Teologia Dogmatica".  CHIESA (dal gr. = assemblea, adunanza, convocazione): è il regno di Dio sulla terra governato dall\’autorità apostolica (D. Palmieri).

Istituzione. Gesù Cristo, come balza evidente da ogni pagina del Vangelo, si è presentato al mondo come fondatore del «regno di Dio» che nella sua fase terrena è destinato ad accogliere tutti gli uomini (cfr. le parabole del regno): il popolo.
Al regno prepose come rettori, gli Apostoli (cfr.- Lc. 6, 13; Mt 18, 15-18; Jo 20, 21; Mt 28, 18-19, ecc.): il clero nel popolo (v. Vescovi).
Capo degli Apostoli costituì S. Pietro (cfr. Mt 16, 18-19; Jo 21. 17): il primato nel clero (v. Primato di S. Pietro),
Con tali elementi Nostro Signore istituì una vera società, gerarchicamente costituita (con sudditi e superiori) visibile agli occhi di tutti, però con fine non politico ma religioso (cfr. Mt 4, 3-10; 5, 3-12; 6, 33; 16, 26-27, ecc.) destinandola ad applicare, attraverso i secoli, i frutti della redenzione (Giov. 20, 21; Mt. 28, 18-19).
Essenza. Da ciò appare che la Chiesa è la continuazione e il prolungamento del Verbo Incarnato, il suo corpo mistico (Rom. 12, 4-6; 1 Cor. 12., 12-27; Ef. 4, 4), che attua nei singoli individui come nell\’umanità intera l\’opera della redenzione, attraverso l\’offerta del sacrificio della Messa e l\’esercizio del triplice potere apostolico (magistero, ministero, impero). Come il suo Fondatore è una Persona sussistente nella natura umana e divina, così la Chiesa è una società umana e divina: l\’elemento umano, visibile, sensibile è dato dalla moltitudine degli uomini socialmente organizzati; l\’elemento divino spirituale, invisibile, dai doni soprannaturali che pongono l\’aggregato umano sotto l\’influsso di Cristo e dello Spirito Santo, anima e principio unitivo di tutto l\’organismo (costituzione teandrica della Chiesa). E\’ dunque la Chiesa l\’unione dell\’uomo con Cristo in forma sociale «la sintesi sociale dell\’umano e del divino» (Sertillanges).
Proprietà. Se la Chiesa è l\’unione dell\’umanità con Cristo in forma sociale gerarchicamente organizzata, deve essere necessariamente una, come uno è Cristo e una è la stirpe umana; santa perché il contatto con Cristo è santificante; cattolica, cioè universale perché l\’unione dell\’umanità in Cristo abbraccia (in tendenza) tutti gli individui della specie umana; apostolica perché essendo un\’unione in forma gerarchica poggia necessariamente su Pietro e gli apostoli e i loro successori, che costituiscono la gerarchia (vedi Unità, Santità, Cattolicità, Apostolicità). Una, santa, cattolica, apostolica: ecco le doti della Sposa di Cristo che ne costituiscono anche i connotati, le note individuali, quando concretizzate nella realtà storica appaiono agli occhi di tutti Come i segni distintivi della vera istituzione di Gesù Cristo (v. Note della Chiesa).
Potestà e operazioni. «Operatio sequitur esse»: umana-divina, visibile ed invisibile la Chiesa opera corrispondentemente alla sua natura, attraverso un magistero, che trasmette il pensiero divino nell\’involucro della parola umana; attraverso un ministero che per mezzo di riti sensibili, i sacramenti. infonde la vita soprannaturale; attraverso un governo, che notifica le leggi dello spirito in una forma sottoposta alla esperienza dei sensi (v. Gerarchia, Potere di ordine e di giurisdizione).
Errori intorno alla Chiesa. Essendo la Chiesa il prolungamento di Cristo nel tempo e nello spazio, c\’è una mirabile analogia tra gli errori cristologici e quelli ecclesiologici. Come intorno a Cristo alcuni errarono negando la sua divinità (Giudei, Gentili, Razionalisti) altri rigettando la sua umanità (Doceti, Fantasiasti), altri separando le due nature (Nestoriani) altri assorbendone una nell’altra (Monofisiti); così quanto alla Chiesa alcuni negano la sua divinità ossia la sua missione divina nel mondo (Giudei, Pagani, Razionalisti), altri negano la sua umanità ossia la sua visibilità (Wycleff, Huss, Protestanti), o la sua perfezione sociale esterna imperniata nel Romano Pontefice (Orientatali scismatici, Gallicani, Febronio ecc.); altri la separano dalla società civile (Liberali), altri finalmente la vorrebbero assorbita nello Stato (Regalisti).
I molti documenti del magistero concernenti la Chiesa sono raccolti nel DB alla voce «Ecclesia».