LA MIA CORONA

Teologia: fondamentale, ascetica...

…Tu legherai ancora le mie falangi quando, le mie carni saranno fieno sopra lo spazio ristrettito su cui una croce porterà forse ancora qualche sillaba del mio nome:… non avrò da temere, avendo nelle mani la mia difesa in te la mia avvocatura: il memoriale eloquente di ciò che Dio fece perché io non fossi dannato. Così, e la corona della mia vita, la corona della mia morte, diverrà la corona della mia eternità….

LA MIA CORONA*


di Tito Casini


Come al sacerdote il suo calice, tu sei cara a me, o mia corona — strumento benedetto di una preghiera che rinnova nella memoria ciò che il calice serve a rinnovar di fatto sopra l’altare.


Tu sei il calice d’ogni mia sera, che mi ritorni e prepari l’anima alle dolcezze del calice mattutino. Sei il presidio delle mie notti; la guardia a cui rimane affidata la consegna di Compieta:



Procul recedant somnia


Et noctium phantasmata


Hostemque nostrum comprime…



Tutta la vita è una notte: una notte piena di pericoli, d’incubi, di fantasmi ingannevoli, corsa da un «leone» la cui fame, fame di anime, non è mai sazia. E tu sei l’arma, l’unica arma, che mi accompagni fra le tenebre di questa notte ch’è il vivere, per poi restare fra le mie mani nella notte del mio sepolcro. In casa o fuori, da fermo o in viaggio, nell’ozio o nella fatica, nell’allégrezza o nella tristezza, io non so stare senza di te, che non sei mai stata senza di me, che m’hai seguito in ogni vicenda, mia allegrezza nella tristezza, mio riposo nella fatica, mia quiete nel viaggio, mia casa nella lontananza. (E quante volte nella lontananza più dura, più deserta di speranza. più diversa dal vivere necessariamente tralasciato — la lontananza della guerra — la pace della casa nell’ora più casalinga, la visione della famiglia, presso il fuoco, intenta a pregare, ha improvvisamente riconfortato e rinfrancato il mio cuore al solo ritrovarti entro le mie vesti, al solo risentirti premere contro il fianco aderente alla terra, quando le mani, protese dirimpetto ad altri uomini, pur fratelli di fede, erano intente a tutt’altro ufficio che la fraterna preghiera!)


Tu mi hai portato, più ch’io non abbia portato te. Tu m’hai condotto per l’erte, tu m’hai ritirato dai precipizi, forte come la più forte catena, tirata da una mano a me invisibile — forse la fede delle generazioni che dissero il Rosario prima di me e che attraverso il Rosario, dal purgatorio o dal paradiso, si ricongiungono a me. A te ho affidato tutti i miei bisogni; la mia Vita è scorsa sopra i tuoi grani, varia e alterna come i misteri di cui vi si succede la meditazione tu m’hai insegnato, componendo i miei casi coi casi divini, a far sì che i miei gaudi non trapassassero in frenesia, i miei. Dolori in disperazione, le mie «glorie» in superbia.


Tu, la più umile delle mie cose, sei stata, la mia più vera ricchezza, e sarai l’unica che non mi lascerà, l’unica che verrà con me, sottoterra, quando tutte l’altre mi lasceranno e due braccia di terra in prestito saranno tutto il mio mondo.


Altri ti avvolgerà alle mie mani, t’inserirà fra le mie dita quando l’ultimo gelo agghiadirà il mio corpo, impietrirà le mie congiunture.


Così, con te e te soltanto, di quant’ebbi in lì, scenderò nella tomba, giacerò con quelli che dissero come me, prima di me o insieme a me, il Rosario. E mi parrà di dirlo ancora, con essi, di ripassar con essi i misteri della vita, della morte e della risurrezione, mentre il tempo avvicenderà le sue stagioni sopra di me, prendendo ogni giorno più del mio corpo per ritornarlo nella polvere che fu prima d’esser mio corpo.


Tu legherai ancora le mie falangi quando, le mie carni saranno fieno sopra lo spazio ristrettito su cui una croce porterà forse ancora qualche sillaba del mio nome: e io seguiterò a dirlo, il Rosario, a misurar sui misteri il tempo che non potrò più misurare a giri di sole, mentre il gran pellegrino continuerà il suo viaggio.


Così possa trovarmi l’angelo che dirà al tempo: basta — e tornerà il fieno in carne per chiamarla al giudizio! Cosi possa trovarmi, e così ammanettato, legato fra le tue ritorte, tradurmi al gran tribunale!


Così, e io non avrò da temere, avendo nelle mani la mia difesa in te la mia avvocatura: il memoriale eloquente di ciò che Dio fece perché io non fossi dannato.


Così, e la corona della mia vita, la corona della mia morte, diverrà la corona della mia eternità.




* Testo tratto da: Tito Casini, Il Rosario, Firenze: L.E.F., 1938, pp. 84-87.