ESSENZA

Teologia: fondamentale, ascetica...

"Cardinale Pietro Parente; Mons. Antonio Piolanti; Mons. Salvatore Garofalo: Voci selezionate dal Dizionario di Teologia Dogmatica". ESSENZA (divina): l\’essenza in genere è l\’elemento formale costitutivo e distintivo dell\’ente, che è specificamente quello che è in forza appunto della sua essenza. L\’uomo è uomo per l\’animalità e la ragione (= essenza). Che cosa è essenzialmente Dio.

La Rivelazione antica e nuova risponde: Dio è spirito, è sapienza, bontà, onnipotenza, santità; Dio è eterno, immutabile, sintesi di tutte le perfezioni, infinito, unico. Ma evidentemente questi sono tanti concetti formati attraverso la considerazione del creato e attribuiti a Dio analogicamente (v. Analogia): tentativo dell\’umano intelletto per esprimere l\’essenza divina. L\’Ecclesiastico dichiara, 43, 29: « Molte cose diciamo (di Dio), ma la parola vie n meno: quanto possiamo dire di meglio è che Egli è tutto». Ma anche questo concetto resta molto vago. C\’è però un passo dell\’Esodo, 3, 13 ss, in cui Dio rivela sé stesso a, Mosè dicendo: «Io sono colui che è». Anzi nel testo ebraico si legge: «Io sono l\’ "È"» (È = Yahwe). E\’ questa la rivelazione più sublime: Dio è l\’Essere per sé stesso. Da questo testo deriva la dottrina teologica dell\’essenza divina.
I Teologi distinguono: essenza fisica, che in Dio è il cumulo di tutte le perfezioni; e l\’essenza metafisica, che è la ragione formalissima, senza cui Dio non si può concepire, ed è la fonte prima di tutte le sue perfezioni. L\’essenza metafisica di Dio per alcuni è l\’infinità, per altri l\’intellettualità, per altri l\’aseità (= essere da sé). Ma l\’opinione più consona alla Rivelazione e più esatta filosoficamente è quella. che ripone l\’essenza metafisica di Dio nell\’essere. Mentre nelle creature l\’essere è partecipato e però distinto dalla loro essenza, in Dio l\’essenza si identifica con l\’essere. L\’essere sussistente per sé stesso dà ragione dell\’infinità di Dio e di tutti gli altri attributi, mentre pone un abisso tra Lui e il mondo creato. V. Tetragramma.